07 • 08 • 2020

                                                                                                                                                                                                                                                     9 luglio, 2020

Negli ultimi 10 anni nel Regno Unito – e a Londra soprattutto – sono state fondate 63 tech unicorns. Alcuni esempi sono DeepMind, la startup di intelligenza artificiale acquisita da Google per $500 milioni (che però ha rifiutato di spostarsi nella Silicon Valley), Revolut, Monzo e Transferwise. Nel 2019, le startup londinesi hanno raccolto $9,7 miliardi con investimenti e venture capital: più di Berlino, Parigi, Madrid e Amsterdam messe insieme. Ora, l’incertezza della Brexit potrebbe ripercuotersi sulla capacità delle aziende inglesi di attirare fondi e personale qualificato. Londra rimane comunque un centro nevralgico per il settore tech europeo, ma nell’era del Covid-19 questi enormi hub sono ancora in grado di attirare i futuri campioni del settore? TechCrunch ha parlato con 14 venture capital che hanno raccontato idee, speranze e punti di vista diversi sul futuro della città. 

Per approfondire clicca qui