24 • 08 • 2020

                                                                                                                                                                                                                                   
Gli investimenti nel settore insurtech crescono sempre più:  Lemonade è stata quotata in Borsa e ha raggiunto una valutazione di $3,8 miliardi, mentre nel 2019 l’insurtech berlinese Wefox ha raccolto $225 milioni.
Il panorama delle assicurazioni digitali – tra tech unicorns e compagnie di nicchia – sta causando non poche preoccupazioni alle compagnie tradizionali.
Per resistere alla concorrenza queste possono fare affidamento sui cosiddetti “enablers”, come Breath Life (il cui Ceo è l’autore dell’articolo), aziende che lavorano per sviluppare soluzioni basate su sistemi di API volte a facilitare l’integrazione tra i diversi attori in gioco, dagli assicuratori agli esperti IT.
L’obiettivo è unire competenze complementari e aumentare la dinamicità del mercato assicurativo.

Per approfondire clicca qui