Tecnologia - 05 • 11 • 2020

 

                                                                                                                                                                                                                                                   ottobre, 2020

Da Amazon a Netflix, passando per il settore immobiliare e la pubblica amministrazione, sempre più aziende ormai fanno affidamento sui dati elaborati da meccanismi di intelligenza artificiale o machine learning per prendere decisioni e proporre ai clienti le soluzioni più adatte alle loro esigenze. Non sempre, però, l’IA offre i consigli giusti: i suoi algoritmi possono rivelarsi estremamente utili se i consumatori sono interessati all’aspetto pratico e funzionale di un prodotto, mentre possono confondere se guardano al lato sensoriale e più legato all’esperienza. In questi casi è quindi utile adottare un approccio ibrido in cui intervengono sia fattori umani che digitali, guidando così il cliente verso una scelta più equilibrata.

Per approfondire clicca qui